8° FFF – L’angolo degli Autori –”LOOP”

Due uomini si confrontano, uno lo specchio dell’altro. Un tradimento, la sete di vendetta, la confusione mentale, il ripetersi infinito delle cose, delle azioni, in un ciclo continuo di nietzschiana memoria. Un noir unico con un formidabile bianco e nero e l’ottima interpretazione del protagonista Simone Tessa.

ANALISI DEL PROGETTO


LOOP fa parte di un dittico, l’altro cortometraggio si intitola SHADOW.Entrambi cercano di scavare a fondo nello spirito dell’essere umano.

Mentre SHADOW mette il protagonista di fronte alla propria ombra, ai propri difetti e paure che l’uomo rifiuta di accettare e integrare, LOOP, come dice il titolo stesso, come in un ciclo continuo ripresenta all’uomo i propri problemi da affrontare e trascendere, riproponendosi continuamente all’infinito in una sorta di ruota karmika, fino a quando l’uomo riesce a trascendere se stesso, la materia, la convinzione di essere ciò che non è, fino a rompere questo eterno ritorno, attraverso il confronto con sé stesso, che però sé stesso non è, ma può rischiare di essere solo un’illusione.Importante è riuscire a guardare il film anche oltre i titoli finali, l’illusione illude sempre.

NICOLA RAFFAETA’

NICOLA RAFFAETA’

Nicola Raffaetà nasce a Camaiore il 17-01-1980.

Nel 2001 gira il primo cortometraggio LADRI: COME RAPINARE LA MAFIA e insieme a un gruppo di amici fonda l’associazione culturale Baita Film Group di cui ne è presidente.

Tra le opere più importanti che gira con la Baita Film si possono nominare LE MONETE DEL TRADIMENTO (2005), un noir ispirato ai grandi film hollywoodiani degli anni ’40; CRONACA (2006) lungometraggio di un’ora incentrato sulla mafia in concorso al Video Festival di Imperia 2008; C’ERA UNA VOLTA… (2007) lungometraggio anche questo di un’ora, distopico e surreale che ha partecipato al festival Corto.it di Roma; AB-FONTE DI VITA (2010), un documentario incentrato sulla problematica della privatizzazione dell’acqua nel mondo, con il quale ha partecipato a molti festival spesso classificandosi nelle prime posizioni e vincitore come miglior documentario del Video Festival Imperia 2011; LE OMBRE DELLA VALLE (2013), serie web noir ispirata dalla mitica serie tv Twin Peaks; fino all’ultimo lavoro prodotto dall’associazione prima dello scioglimento, IO SONO (2016), corto esistenziale e d’introspezione spirituale.

Nel frattempo dal 2007 ha cominciato a collaborare con Tv locali, come ad esempio la Tv provinciale NOITV, CANALE 39, RETE VERSILIA; o aziende come ALFEA CINEMATOGRAFICA di Pisa, con cui ha anche collaborato per la realizzazione di alcuni documentari destinati  alla trasmissione Rai GEO&GEO.

Oltre alla realizzazione di sceneggiati/fiction Raffaetà nel 2006 si è dato alla videoarte con la sua prima opera C’ERA UNA VOLTA IN NEPAL a cui hanno seguito molti altri negli anni, come ad esempio IL RESPIRO DEL TEMPO (2013), MEMORIE DI UNA TESTA TAGLIATA (2013), IL GRANDE ALBERO (2013), LE NOUVEAU ASSISTANT-HOMMAGE A’ ROBERT CAHEN (2015), la serie del TAO TE CHING (2015-2016), TRA CIELO E TERRA (2017), INDIA (2019), IL BAMBINO E IL MARE (2018), MAYA (2018), la serie di CITY EXPERIENCE (2019) composta da tre videoarte, FIRENZE EXPERIENCE, LUCCA EXPERIENCE, PISA EXPERIENCE; NIGREDO (2019), la serie dedicata a Charlers Baudalaire tratta da LE FLEURS DU MAL con lo stesso nome (2019), EQUILIBRIO (2019), con il quale ha vinto il premio come miglior videoarte al Firenze Film Corti Festival 2019.

Interessanti sono la serie di video ritratti che l’artista porta avanti dal 2013, in cui il suo intento è immortalare “l’istante sacro”.

Dopo lo scioglimento della Baita Film nel 2017 fonda la Poiana Video Produzioni assieme a Alessandro Romboni e gira il cortometraggio IL ROSSO IL NERO (2018) con il quale partecipa a diversi festival e vince il premio come miglior mediometraggio al Festival Intercomunale del Cinema Amatoriale di Brescia nel 2019 e il premio Fedic al Festival La Lanterna di Genova sempre nel 2019. Sempre nello stesso anno realizza altri lavori tra cui 10 che partecipa al Firenze Film Corti Festival e all’Edimburgh Film Festival come ospite, nonché in concorso all’Italia Film Fedic 2020 e Festival Intercomunale del Cinema Amatoriale di Brescia 2020 e il Mediterraneo Festival Corto 2021 di Diamante in Calabria.

Nel 2020 ha realizzato un dittico di cortometraggi dal titolo LOOP ( In concorso al F.I.C.A. 2021 e al Festival del cinema di Cefalù 2021) e SHADOW.

Al momento lavora come libero professionista realizzando video promozionali per aziende e producendo grazie a finanziatori alcune opere, tra cui LA COMMEDIA, una video installazione in memoria dei 700 anni della morte del Sommo Poeta Dante Alighieri. Adesso quasi tutte le sue produzioni sono autonome e il nuovo logo è NRproduzioni.

Se l'articolo ti è piaciuto puoi lasciarci un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.