1763
post-template-default,single,single-post,postid-1763,single-format-standard,theme-elision,elision-core-1.0.9,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,qode-theme-ver-4.3,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
Title Image

Blog

Il miglior cartone animato è “Compartments” alle finali dei film per i giovani del 5°FFF

  |   Cartoni Animati, Festival   |   No comment

Le Murate Progetti Arte Contemporanea Firenze 19 ottobre 2018

IMG_20181019_105355_BURST001_COVER.jpgCompartments, un cartone realizzato in Germania per la regia di Daniella Koffler e Uli Seis, si aggiudica il primo premio alla kermesse dedicata al pubblico giovanile nell’ambito della manifestazione “E’ sempre tempo di Festival”. E’ una tenue storia d’amore, ai tempi di oggi, tra una ragazza israeliana e un ragazzo tedesco, con l’abbozzato scenario di Berlino. Sullo sfondo la contrarietà del padre della ragazza che non approva il viaggio in Germania della figlia. Una tematica che fa meditare, con tocchi veramente originali.
Il secondo posto è andato all’italiano Luca Musumeci per il cartone Oscar, in lingua inglese con i nostri sottotitoli in italiano. Il regista, presente alla premiazione, ha spiegato la genesi di questi film e le tecniche utilizzate.
Il cartone italiano La lingua degli alieni ha conquistato il Premio speciale della Presidenza del Festival per la grande importanza sociale e civile del tema trattato: la disabilità motoria infantile. La regista Pamela Pompei si è soffermata sulla sua esperienza personale di madre di un bambino disabile, il cui fratello gemello è il suo primo anello di congiunzione col resto del mondo. Il film è un’opera voluta dal Comitato Disabilità del Municipio X di Roma e ha conquistato il pubblico in sala.
Nel corso della mattinata è stato proiettato anche il video Pasapalabra, girato in Spagna dal regista toscano Andrea Testini, che nel breve spazio di poco più di tre minuti riesce a mostrarci il peso dei pregiudizi presenti ancora nella scuola elementare ed anche le possibilità che la scuola stessa riesce ad offrire per merito di una parte dei ragazzi. Il film è stato premiato per il suo valore civile e sociale.
Da rimarcare la folta presenza tra il pubblico degli alunni del Liceo Artistico di Porta Romana, molti dei quali già esperti nella tecnica dei cartoni e in generale del fare cinema, perché provenienti dalle sezioni del Liceo specializzate in tali rami. Su proposta dei docenti presenti, il  prossimo appuntamento, col medesimo programma presentato, è per gennaio 2019, quando ci rincontreremo, noi di Rive Gauche-Festival, gli studenti di tutti i Licei Artistici di Firenze (e non solo) e i registi coinvolti in questa bellissima giornata dedicata interamente ai giovani e giovanissimi.
No Comments

Se l'articolo ti è piaciuto puoi lasciarci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.