3398
post-template-default,single,single-post,postid-3398,single-format-standard,theme-elision,elision-core-1.0.9,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,qode-theme-ver-4.3,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
Title Image

Blog

La serata dei giudici del 7° Firenze FilmCorti Festival

  |   Festival, Film Corti   |   No comment
Nel pomeriggio del 28 gennaio 2020 si è svolto un incontro tra gli organizzatori del FirenzeFilmCortiFestival e i giurati selezionati dalla kermesse, che in presenza massiccia  sono intervenuti per ascoltare le novità della prossima edizione della manifestazione e interagire con i vertici del festival.
Presenti il presidente di Rive Gauche Marino Demata, il presidente del Firenze FilmCorti Festival Francesco Grifoni, la vicepresidente Mariarosaria Perilli, la presidente della Giuria Emanuela Mascherini, Luciano Nocentini, Claudio Baldocci, l’ufficio stampa Lorenzo Migno, il Fotografo Filippo Romanelli, e soprattutto loro, in particolare naturalmente i fiorentini e  toscani, i selezionatori dei circa 400 film già pervenuti, che hanno risposto positivamente all’apposito Bando e sono stati scelti a far parte delle giurie di preselezione.
Nella calda atmosfera del Caffè letterario le Murate, sono state trattate le direttive sul rapporto giurati/progetti in concorso.
Marino Demata ha salutato tutti i giurati, che si sono presentati ad uno ad uno, raccontando la loro formazione e la sezione per la quale sono stati selezionati dal Festival stesso. Sono giovani registi, attori, sceneggiatori, giornalisti, critici cinematografici, scrittori, artisti e tanti altri ancora accomunati dalla passione per il cinema e dalla amicizia, maturata in questi mesi, col Firenze FilmCorti Festival.
Sono state spiegate ai giurati le modalità di voto riguardanti le opere in concorso, il termine ultimo nel votare i progetti per la sezione assegnata: una valutazione numerica che va da 1 a 10, per ogni sezione delle categorie del Festival.
Francesco Grifoni, ha ringraziato tutti i partecipanti, manifestando l’importanza del loro giudizio nella selezione delle opere facendo riferimento che, a punteggio ultimato, quelle con maggior votazione accederanno ad una fase successiva della kermesse, sotto la supervisione della presidente di Giuria Emanuela Mascherini, procedendo così alla sezione delle opere finaliste. Tema di rilevanza è stata la promozione dei temi portanti del festival: innovazione, nei contenuti e nel linguaggio.
Punto di analisi è stato anche l’argomento riguardante i premi. Prendendo spunto dal festival di Opere letterarie 2019, presieduto da Maria Rosaria Perilli: ad ogni premiato di ogni sezione, si aggiungerà il vincitore assoluto del festival, sulla base di innovazione di messaggio, talento artistico.
Si è passati poi ai problemi tecnici relativi alle modalità di visione dei film e alle votazioni per ciascuna opera. Molti sono stati gli interventi e le richieste di chiarimento, a testimonianza dell’interesse e della passione che animano questi amici del  Firenze FilmCorti Festival.
Il verbale dell’incontro sarà inviato a tutti quei selezionatori che vivono lontano da Firenze, nelle più disparate zone d’Italia ed anche in Inghilterra e negli Stati Uniti e che aspettano i risultati della riunione per chiarire eventuali dubbi e andare avanti nel loro impegno.
(a seguire alcuni scatti della serata a cura
di Filippo Romanelli).

 

Nella calda atmosfera del Caffè letterario le Murate, sono state trattate le direttive sul rapporto giurati/progetti in concorso.
Marino Demata ha salutato tutti i giurati, che si sono presentati ad uno ad uno, raccontando la loro formazione e la sezione per la quale sono stati selezionati dal Festival stesso. Sono giovani registi, attori, sceneggiatori, giornalisti, critici cinematografici, scrittori, artisti e tanti altri ancora accomunati dalla passione per il cinema e dalla amicizia, maturata in questi mesi, col Firenze FilmCorti Festival.
Sono state spiegate ai giurati le modalità di voto riguardanti le opere in concorso, il termine ultimo nel votare i progetti per la sezione assegnata: una valutazione numerica che va da 1 a 10, per ogni sezione delle categorie del Festival.
Francesco Grifoni, ha ringraziato tutti i partecipanti, manifestando l’importanza del loro giudizio nella selezione delle opere facendo riferimento che, a punteggio ultimato, quelle con maggior votazione accederanno ad una fase successiva della kermesse, sotto la supervisione della presidente di Giuria Emanuela Mascherini, procedendo così alla sezione delle opere finaliste. Tema di rilevanza è stata la promozione dei temi portanti del festival: innovazione, nei contenuti e nel linguaggio.
Punto di analisi è stato anche l’argomento riguardante i premi. Prendendo spunto dal festival di Opere letterarie 2019, presieduto da Maria Rosaria Perilli: Ad ogni premiato di ogni sezione, si aggiungerà il vincitore assoluto del festival, sulla base di innovazione di messaggio, talento artistico.
Si è passati poi ai problemi tecnici relativi alle modalità di visione dei film e alle votazioni per ciascuna opera. Molti sono stati gli interventi e le richieste di chiarimento, a testimonianza dell’interesse e della passione che animano questi amici del  Firenze FilmCorti Festival.
Il verbale dell’incontro sarà inviato a tutti quei selezionatori che vivono lontani da Firense, nelle più disparate zone d’Italia ed anche in Inghilterra e negli Stati Uniti e che aspettano i risultati della riunione per chiarire eventuali dubbi e andare avanti nel loro impegno.
No Comments

Se l'articolo ti è piaciuto puoi lasciarci un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.